Attualità

Dove costa meno la benzina?

Il team di Picodi.com ha calcolato “ l'Indice della benzina 2020”, ovvero il rapporto tra i prezzi del carburante e gli stipendi medi per 103 paesi nel mondo e ha preparato un report con infografiche interattive. Ecco i numeri più importanti:

Il team di Picodi.com ha monitorato il cambiamento dei prezzi della benzina in decine di paesi in tutto il mondo e ha calcolato quanti litri di carburante un italiano medio può permettersi nel 2020.

Benzina più economica

A causa della volatilità dei prezzi sul mercato dei carburanti, simile a un anno fa, sono stati raccolti dati sui prezzi della benzina nella prima metà dell’anno. Su 42 paesi europei considerati, in 39 paesi i prezzi della benzina nella prima metà del 2020 erano in media inferiori rispetto al 2019. I maggiori decrementi sono stati registrati in Bosnia Erzegovina (−17,8%), Ucraina (−15,4%) e Romania (−14%).

In Italia, i prezzi della benzina sono diminuiti del 6% (31o posto). Riduzioni leggermente minori sono state registrate dai consumatori nel Regno unito (−5,7%), Albania (−4,9%), Andorra (−4,8%) e Estonia (−4,3%).

È interessante notare che in Russia il prezzo è leggermente aumentato (dello 0,8%) rispetto all’anno precedente, mentre in Bielorussia la benzina è cresciuta del 12,4%.

Gli abitanti della Russia possono godere della benzina più economica d’Europa – lì, il prezzo medio della benzina in rubli è di 58 centesimi. Gli olandesi pagano di più per il gas – 1,62 €.

Abbiamo confrontato i prezzi medi della benzina nella prima metà del 2020 con gli ultimi dati sui salari medi. Per il secondo anno consecutivo, Svizzera e Lussemburgo possono vantare il miglior rapporto tra il prezzo di un litro di benzina e il salario medio nel continente europeo. Lo stipendio medio consentirà ai residenti di questi paesi di acquistare rispettivamente 3.795 e 3.320 litri di benzina. Anche la Danimarca è salita sul podio con 2.484 litri.

In Italia, secondo gli ultimi dati JobPricing lo stipendio medio è di 1364 euro netti. Ciò significa che lo stipendio medio italiano consente l’acquisto di 929 litri di carburante (20o posto nella classifica). Sono in testa agli italiani in questa classifica, tra gli altri Malta (939 litri) e Spagna (1.127 litri). D’altra parte, Ungheria (745 litri), Slovacchia (694 litri) e Grecia (632 litri) sono state classificate ai livelli più bassi.

Gli ultimi tre posti nella nostra classifica sono occupati da Moldavia, Ucraina e Albania, dove i salari medi in questi paesi valgono rispettivamente 352, 345 e 239 litri

clicca qui per accedere al rapporto completo e alle infografiche interattive