Attualità

Fatturato autoriparazione: +1,2% nella prima metà del 2017

Se si considera il 2° trimestre il fatturato autoriparazione torna tuttavia in territorio negativo 2017 (-0,7%).  E' quanto emerge da un'analisi di Confartigianato

Al II trimestre 2017 la dinamica del fatturato della Manutenzione e riparazione di autoveicoli torna in territorio negativo con una variazione tendenziale pari al -0,7% che, come evidenziato in una recente analisi, rappresenta una performance di più basso profilo rispetto alla crescita del 2,7% del totale dei Servizie al +1,7% registrato nel settore dei servizi con la composizione degli addetti nelle imprese artigiane. Sono 73.804 le imprese artigiane nel comparto della Manutenzione e riparazione di autoveicoli, il 79,1% del totale delle imprese e il 43,1% dell’intera filiera auto composta complessivamente da 171.396 imprese. Gli addetti dell’artigianato dell’autoriparazione sono 150.647 e sono più del doppio (2,3 volte) dei 66.082 addetti nella produzione di autoveicoli.

Tornando all’esame del trend del fatturato il confronto europeo – per cui utilizziamo l’indice corretto per i giorni lavorativi pubblicato da Eurostat – evidenzia che nel primo semestre del 2017 le imprese di autoriparazione in Italia registrano un aumento del fatturato dell’1,2% rispetto al primo semestre dell’anno precedente, inferiore al 4,7% della media UE. La dinamica dei ricavi delle imprese dell’autoriparazione supera i tre punti percentuali nei maggiori paesi UE ad eccezione dell’Italia: il fatturato cresce del 6,1% in Francia, del 4,6% in Spagna, del 3,9% in Germania e del 3,3% nel Regno Unito.

Nell’analisi della serie storica degli ultimi dieci anni si osserva che il +1,2% del 2017 in Italia è il migliore risultato dal 2010, ultimo anno in cui l’Italia registrò una performance migliore della media europea.

L’analisi del settore nell’Elaborazione Flash “Alcuni numeri chiave sulla filiera auto in Italia” predisposta dall’Osservatorio MPI di Confartigianato Lombardia. Clicca qui per scaricarla.

(fonte: Confartigianato)

production mode