Attualità

In autostrada un cantiere ogni 18km, class action Altroconsumo per i disagi

I disagi lungo le autostrade dovuti a dissesti o cantieri sono ormai ben noti agli abitanti dello Stivale. Secondo un’inchiesta Altroconsumo esiste un cantiere aperto ogni 18km di strada. Ma qual è il motivo? Autoconsumo sostiene che “fra il 2009 e il 2018 Autostrade ha volutamente evitato di effettuare lavori di manutenzione obbligatori nelle infrastrutture e ha cercato, negli ultimi 2 anni, di recuperare il tempo perduto causando numerose ulteriori problematiche a tutti gli italiani alla guida”.

In questi anni, inoltre, Autostrade ha aumentato con costanza i pedaggi, che sono cresciuti del 28% (dati ISTAT e ministero Infrastrutture e Trasporti). Secondo le rilevazioni effettuate da Altroconsumo, ad esempio, tra le tratte più colpite da questi disagi ci sono: la A12 La Spezia-Genova con 14 cantieri in cui viene eliminata almeno una corsia in circa 90km; la A1 Milano-Bologna con 11 cantieri che eliminano una corsia per 190km; la A24 Ancona-Pescara con 19 cantieri concentrati in 42km (26% dell’intera tratta).

Altroconsumo, da sempre al fianco dei consumatori per tutelarne i diritti, dopo aver fatto una segnalazione all’Antitrust, la quale ha recentemente inviato una sanzione ad Autostrade, porta avanti la causa aprendo una class action volta a chiedere giustizia e un risarcimento medio di 220€ (calcolato su dati Istat*) per gli anni di inefficienza, per i mancati lavori obbligatori che hanno peggiorato il servizio drasticamente e per l’ingiustificato aumento dei pedaggi.

“Autostrade degli ultimi 12 anni ha avuto un comportamento fortemente contrario agli interessi dei consumatori. Non solo è venuta meno all’impegno di garantire la praticabilità e la sicurezza delle strade, mancando per lungo tempo di svolgere gli investimenti e la manutenzione a cui era chiamata. Ma ha anche costretto i cittadini a sostenere costi di viaggio continuamente crescenti, a fronte di un servizio di in costante peggioramento. Da ultimo, persino i tardivi tentativi di recuperare in pochi mesi i ritardi di un decennio, sono stati la ‘toppa peggiore del buco’ e non hanno fatto che aumentare ulteriormente i disagi. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti coloro che abbiano dovuto percorrere, ogni giorno o anche solo una volta, le tratte più martoriate dello Stivale. Una situazione che, a nostro avviso, non è circoscrivibile solo a qualche tratta, ma coinvolge da Nord a Sud tutta la rete amministrata sin qui da Atlantia e che ora tornerà sotto il controllo dello Stato attraverso CdP. Questo passaggio, i cui esiti valuteremo nel futuro, non può far però dimenticare il passato e soprattutto un presente che, con la stagione estiva alle porte, già si preannuncia nuovamente problematico e ‘rovente’ per gli automobilisti italiani. Noi di Altroconsumo, da sempre al fianco dei consumatori per garantire loro tutela e protezione, chiediamo per queste ragioni giustizia e un risarcimento del danno da loro patito, raccogliendo la loro voce in questa class action”, ha dichiarato Federico Cavallo, responsabile relazioni Esterne Altroconsumo

production mode