Attualità

I virus potrebbero infettare le auto attraverso gli strumenti di diagnosi

E' l'allarme lanciato da un consulente per la sicurezza americano, che evidenzia il rischio di vere e proprie "epidemie"

La tecnologia elettronica abbonda a bordo selle auto, rendendole sempre più simili ai computer. Il rovescio della medaglia è che, come i computer, anche le auto rischiano di essere attaccate dai virus. E tale rischio in futuro sarà sempre più elevato, con il pericolo di “epidemie” che potrebbero trasmettersi da veicolo a veicolo anche attraverso gli strumenti utilizzati dagli autoriparatori. A lanciare l'allarme, come riporta Sicurauto.it, è stato il consulente per la sicurezza Craig Smith durante la convention degli hacker Derbycon, che si è svolta a Louisville, nel Kentucky. Secondo Smith autoriparatori e concessionari potrebbero essere le prossime vittime degli hacker, che potrebbero attaccare attraverso virus che, presenti in una vettura infetta, contagiano lo strumento di diagnosi del service: a questo punto possono essere contaminati gli altri veicoli che vengono collegati a quella diagnosi . “È possibile creare una malicious car che, nel caso peggiore, potrebbe infettare una concessionaria che, a sua volta, sarebbe inconsapevolmente in grado di diffondere l'infezione a moltissime altre vetture” ha detto Smith.

Nel momento nel quale il meccanico collega l'auto infetta allo strumento di diagnosi il virus potrebber dunque infettare il dispositivo che, se è collegato alla rete internet, potrebbe propagare esponenzialmente il virus. E il rischio diventa ancor più alto quando si parla di auto “connesse”, dotate di innumerevoli dispositivi e centraline connessi alla rete.

Un primo caso di hackeraggio ha portato recentemente al richiamo di 1,4 milioni di veicoli Jeep, Chrysler, Dodge e Ram. In questo caso, fortunatamente, la contaminazione era “benigna”, dovuta ad una porta di comunicazione inavvertitamente lasciata aperta dal provider di connettività mobile usato da Fiat Chrysler negli USA. Ma altri attacchi non involontari potrebbero causare conseguenze molto peggiori.

 

production mode